Home
Parroco
Consiglio Pastorale
Affari Economici
Catechesi
Liturgia
Carità
Azione Cattolica
Comitato Feste

Cenni storici


Galleria fotografica
Giornale IDEA
Calendari
Bibbia CEI
Catechismi
Documenti ecclesiali
Links
Contatti
 

leggi i giornali

Clicca qui per ascoltare la radio

ascolta la radio

guarda la TV

 


Laudato si'

Misericordiae Vultus

Evangelii Gaudium

Prolusione Bagnasco

"Idea" marzo 2013

Date Battesimi 2015

Date Sacramenti 2015

Nuove foto

Programmazioni 2013/2014

Porta Fidei

Orientamenti pastorali 2010-2020

Lettera

ai cercatori di Dio

 

  SETTIMANA SANTA
(08/04/2017)

  AVVISI V SETTIMANA DI QUARESIMA
(01/04/2017)

archivio news...


Cenni storici sulla nostra Parrocchia
 

La Chiesa Madre di Canneto

 

   Ricostruita su di una antica chiesetta preesistente nel 1761 ed ampliata nel 1763, ha una forma di croce latina ed è dedicata all’Immacolata, la cui immagine troneggia nell’abside.

   Gli altari laterali sono sormontati da due grandi tele di autore ignoto, raffiguranti l’Annunciazione e la Crocifissione, e in quello destro si conservano le reliquie del Santo Protettore di Canneto, S. Vittoriano. La sua statua fu realizzata nel 1767 e restaurata nel 1907, quando fu effettuata la ricognizione del Sacro Corpo, giunto a Canneto durante la signoria dei marchesi De Nicolai, il 23 Luglio 1753, e accolto con grande gioia e fede dal popolo.

   La cupola riporta le immagini dei quattro Evangelisti, i nomi delle virtù teologali e morali. In alto, sul presbiterio, è affrescata l’Ultima Cena.

 

La Cappella di "Santa Maria della Stella"

 

   Fu voluta da Alfonso Balbanio, signore di Canneto, nel 1186, per la miracolosa guarigione della moglie, Stella Beatrice Galtieri, avvenuta nella Pasqua di quell’anno.

   Sull’altare maggiore domina il quadro della Madonna e sugli altari laterali ci sono due tele raffiguranti S. Antonio da Padova e un Santo Vescovo portato in gloria.

   Nei locali annessi alla Cappella fu portata, nel 1877, la sede del Comune. Ora vi funziona il pensionato per anziani “Casa della Divina Provvidenza”.

 

La Torre Normanna

 

   Fatta costruire da Alfonso Balbiano, notabile napoletano che aveva sposato stella Beatrice, figlia di Domenico Galtieri, nel 1146, e completata circa sette anni dopo.

   Nel disotto di detta Torre fece anche costruire un lungo tunnel, che dalla stessa andava a finire a circa un quarto di miglio, nella direzione verso Acquaviva, affinché, nei casi estremi, si potesse fuggire senza essere scoperti.

   Di struttura architettonica tipicamente normanna, basti notare la base quadrangolare, proteggeva e segnava i limiti del palazzo del Signore.

                 da "Cenni storici" di don Luigi Stangarone (1981)



Leggi e/o scrivi


Imposta questa pagina come home page del tuo browser imposta come home page
Inserisci questa pagina nella lista dei preferiti Aggiungi a Preferiti
Segnala ad amico

 



Parrocchia Immacolata Adelfia (BARI)  Piazza Galtieri, 34 - Tel/Fax 080.4594746